AD EXPO CON GRANA PADANO DOP

Ad Expo non ero ancora andata e quando sono stata invitata da Grana Padano DOP a visitare il caseificio allestito a Cascina Triulza, non ho potuto che dire di SÌ. Sono stata a vedere da vicino come viene prodotta una forma di Grana Padano che poi finisce sulle nostre tavole. Io adoro i formaggi e amo ancora di più il Grana Padano DOP. Potrei definirmi una “grattuggiatrice seriale” e visto che non sono una gran cuoca, io vi assicuro che col grana ho salvato un sacco di piatti insipidi, rendendoli gustosi e speciali, per non parlare delle cene improvvisate quando il frigo è quasi vuoto da sentirci l’eco: il GRANA TI SALVA LA VITA o almeno la CENA!

Il Grana Padano DOP ha una storia antichissima, pensate che viene prodotto dal 1135 e che furono i monaci dell’abbazia di Chiaravalle, a pochi chilometri da Milano a mettere a punto la ricetta, per conservare il latte in eccedenza. Non va confuso con il Parmigiano Reggiano, l’unico formaggio che può essere definito GRANA è quello PADANO. Inoltre ha ottenuto il riconoscimento da parte dell’Unione Europea del termine DOP che significa che è prodotto esclusivamente con latte proveniente dalla zona d’origine.

Ma veniamo alla mia giornata ad Expo con Grana Padano DOP e al Caseificio di Cascina Triulza.

Ora vi spiego come si fa! Il Grana Padano DOP si produce con latte crudo e proveniente dalla zona di produzione, viene lavorato in un gran pentolone, una caldaia in rame che nel caso del caseificio di Expo era più piccolo della metà rispetto a quello del caseificio classico. Ad Expo da ogni lavorazione viene prodotta una forma, impiegando 500 litri di latte. Al latte viene aggiunto il siero innesto naturale che viene poi riscaldato a una temperatura di 31-33 °C, successivamente viene aggiunto anche il caglio. In pochi minuti il latte dallo stato liquido diventa solido, ma ancora non è finita. La cagliata viene rotta con lo spino, un utensile in acciaio, una specie di frustino gigante. Il latte viene fatto scaldare nuovamente, raggiungendo una temperatura di 53-56 °C. Nel giro di mezz’ora o poco più la massa caseosa comincia a depositarsi sul fondo della caldaia. A quel punto i casari con una pala in legno e un telo, sollevano la massa, la avvolgono in un telo di lino e la posano in un recipiente per 12 ore, dove avviene la messa in forma e poi inserita in una nuova messa in forma, questa volta contenente una fascia tutta bucherellata e marchiante, con in rilievo i marchi di origine. Dopo 24 ore la forma viene messa in una vasca piena di acqua e sale, per 14-30 giorni e in fine passa all’asciugatura e alla stagionatura per almeno 9 o 20 mesi. Dopo questi mesi, se supera la prova del martelletto, dell’ago e della sonda riceve il marchio a fuoco che ne garantisce la qualità del marchio Grana Padano DOP.

Tutte le forme prodotte durante Expo, al termine della stagionatura verranno messe all’asta e il ricavato verrà devoluto a favore dell’Ospedale NPH Saint Damien di Haiti.

Il Consorzio Tutela Grana Padano ha interpretato il tema di Expo 2015 elaborando un’innovativa dieta ipocalorica, equilibrata e fondata su un programma semplicissimo . Sul sito ufficiale potete infatti scaricare gratuitamente “La dieta del Grana Padano” all’interno del portale “Educazione Nutrizionale Grana Padano” : un progetto nato per sensibilizzare il pubblico all’importanza di un’ alimentazione sana e bilanciata. Il programma propone menu settimanali personalizzati con ricette della nostra tradizione, sfiziose e alla portata di tutti.

Per me è stato veramente affascinante vedere i casari produrre queste bontà per le nostre tavole. Mi hanno affascinato i loro volti, la loro esperienza e la loro manualità. Se c’è una cosa che adoro è proprio vedere come quello che consumiamo viene prodotto, e vi assicuro che a casa mia il Grana Padano DOP non manca mai.

Sono veramente felice di aver potuto vivere questa esperienza e aver visto con i miei occhi come nasce il Grana Padano DOP e aver conosciuto da ancora più vicino una delle eccellenze della tavola italiana.

Post realizzato in collaborazione con Grana Padano.

grana-padano-expo grana-padano-expo-italian-cheese caglio-grana-padano-expo-italian-cheese alessia-canella-styleshouts-expo-grana-padano-forme-lavorazione-dop-conservazione-cheese styleshouts-expo-grana-padano-forme-lavorazione-dop-conservazione-cheese grana-padano-expo-milano-forme-lavorazione-dop-conservazione-cheese expo-grana-padano-milano-forme-lavorazione-dop-conservazione-cheese grana-padano-expo-milano-forme-lavorazione grana-padano-expo-milano-forme grana-padano-expo-milano-forme-lavorazione-dop-conservazione-italia grana-padano-expo-milano-forme-lavorazione-dop

GRANA PADANO - EXPO

You May Also Like

HEAD E PORSCHE SULLE PISTE DA SCI

investigatore privato subito news

Investigatore privato, come può esserci utile e quando contattarlo

borsa tendenza estate 2022

Quali sono le borse donna di tendenza primavera estate 2022

Giovane sposa indossa un abito per matrimonio in inverno

Come scegliere l’abito da sposa per un matrimonio in inverno