VISITARE PALERMO, COSA VEDERE ASSOLUTAMENTE

Se state pensando di visitare la Sicilia senza dover tornare a casa con 3kg in più e una splendida vacanza fate altro. Ho visitato per la prima volta la Sicilia quest’anno e me ne sono innamorata: posti incantevoli e cucina che non delude mai, ma andiamo con ordine: cosa vedere a Palermo.

Di Palermo non conoscevo nulla e avere due giorni per visitarla forse è poco, ma concentrando le energie si riesce a respirare l’aria palermitana, fatta di mercati, di Barocco, di stradine strette e ragazzini sui motorini.

Cosa fare assolutamente? Ve lo spiego io.

1 -GUIDARE NEL TRAFFICO se vi piace il rischio fatelo! Noi per entrare ed uscire dalla città abbiamo rischiato letteralmente la vita e grazie a Dio ne siamo usciti indenni. Diciamo che il codice della strada è piuttosto relativo a Palermo: gente senza casco o in 4 su un motorino, semafori e precedenze dimenticate. La nostra Ford Focus StationWagon che ci ha accompagnati per tutta la Sicilia piena di sensori sembrava impazzita visto che eravamo circondati da auto e moto ovunque. Utili per avvertirci degli svariati pericoli che dovevamo evitare.

2- ENTRARE NELLA CAPPELLA PALATINA e AL PALAZZO DEI NORMANNI La cappella si trova all’interno del Palazzo dei Normanni che non sempre è visitabile, visto che è sede parlamentare. (Solita fortuna mia, non ho potuto vederlo – la cappella sì ) Però la cappella è qualcosa di incredibile, totalmente ricoperta di mosaici dorati bizantini e un ciclo di storie del Cristo Pantocrate. Mettetevi gli occhiali da sole, ne resterete abbagliati!

3 –  VISITARE IL TEATRO MASSIMO qui vi consiglio un tour guidato, non fate i tirchi! La guida vi porterà a visitare il teatro più grande di Sicilia e il secondo d’europa e non solo, ma anche le altre sale che vi riporteranno con la mente ai fasti del passato. Un vero gioiello.

4- MANGIARE LA GRANITA DI FRONTE AL TEATRO MASSIMO quella granita mi ha salvato la vita. C’erano almeno 38 gradi quel giorno e la granita, fatta proprio grattando una lastra di ghiaccio e cospargendolo con del succo di arancia appena spremuto è una delle cose più semplici e buone che io abbia mai mangiato in vita mia.

5- FARSI UN GIRO CON L’APE CALESSINO e ASCOLTARE LA GUIDA CHE SA COSE A CASO SU PALERMO non ho ancora capito perché abbiamo fatto questo giro e speso parecchi euri, visto che l’autista spiegava cose a caso sulla città. Però faceva un gran caldo e ci sembrava divertente come cosa da fare dopo una giornata trascorsa a piedi per le vie del centro storico. Come svago, sì ok.

6- CENARE A VUCCIRIA la seconda sera al posto del solito ristorante elegante di pesce ( prima sera cena a Le Antiche Mura , voto 10 per qualità, servizio e ambiente, grazie Nunzia per la dritta!!! )   volevamo provare qualcosa di più palermitano, di meno fighetto. Così siamo stati a mangiare per le strade del mercato di Vucciria, dove non ci siamo fatti mancare un bel polipo cotto al momento su delle griglie alimentate a bombole a gas decisamente poco a norma. Se scegliete una cena del genere, scordatevi le normali norme di igiene, quel che viene viene, io mi ripeto sempre che aiuta a far aumentare gli anticorpi mangiare così.  Quel che non strangola non uccide.

7- VISITARE LA CATTEDRALE di giorno o di sera vi farà impressione per la ricchezza della sua struttura, con il suo giardino curatissimo all’esterno. E’ stata costruita a partire dal 1100 e nel corso dei secoli è stata ristrutturata più volte, cambiando radicalmente, anche se le influenze islamiche sono ben visibili.  Si può salire sul tetto per ammirarla dall’alto o semplicemente visitarla all’interno, anche se personalmente ho preferito l’esterno. Ho trovato l’interno un po’ troppo spoglio e poco coerente con la sua storia.

8- COMPRARE UN CAPPELLO DI PAGLIA si rivelerà uno dei vostri migliori acquisti. Con pochi euro il cappello vi salverà dal sole cocente di Palermo, provare per credere.

9- SEDERSI E GUSTARSI UN MATRIMONIO  in due giorni siamo incappati in qualcosa come 10 matrimoni. Guastarsene uno è un ottimo esperimento sociale. Potete osservare i look delle spose e degli invitati, vestiti in doppio petto il 20 di luglio.

10- INVIDIARE IL PESCE DI BALLARO’ io non ho mai visto tanto pesce e così fresco come quello che ho visto nei mercati di Palermo. Invidio i Palermitani da morire, perché dal pescato alla frutta alla veduta, hanno dei prodotti che noi al nord ce li scordiamo!! Invidia!!

A me Palermo è piaciuta tantissimo e spero di poterci tornare, magari con più calma! E fatemi sapere se mi sono persa qualcosa o se pensate di andarci anche voi. Su instagram ( styleshouts ) trovate anche un pezzettino del mio video che presto sarà pronto su Youtube. Intanto gustatevi questo.

alessia-canella-styleshouts-blogger prendi-sole-bacirubati vie-palermo-scoperta teatro-massimo-palermo-esterno bracciale-stroilioro-bangles bracciale-rose-stroilioro quartieri-palermo mercati-palermo visitare-sud vestito-sangallo-alessia-canella
cattedrale-palermo-esterno teatropoliteama-palermo teatro-massimo-palermo cappello-paglia-look travel-blogger-palermo-cosa-vedere vestito-sangallo-baciRubati fontana dellavergogna palermo interno-cappella-palatina carretto-siciliano-palermo chiesa-matrimoni-barocca-palermo sposarsi-palermo borsa-furla-tracolla

dress BACI RUBATI

 

You May Also Like

Giovane sposa indossa un abito per matrimonio in inverno

Come scegliere l’abito da sposa per un matrimonio in inverno

SHARE THE ROAD VI PORTO CON FORD ALLA SCOPERTA DI VERONA

NON CHIAMATELE MUCCHE: TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SULLE VACCHE DELL’AZIENDA AGRICOLA BARONCHELLI

GITA A LODI, PIATTI E PRODOTTI TIPICI